Servizio civile nazionale nelle Pubbliche Assistenze Anpas Asti

Il 21 ottobre scadranno i termini per la presentazione delle domande
SERVIZIO CIVILE NELLE PUBBLICHE ASSISTENZE ANPAS: 92 POSTI IN AMBITO SOCIO SANITARIO NELLE PROVINCE DI ALESSANDRIA, ASTI, CUNEO E TORINO
In provincia di Asti sono 4 le Pubbliche assistenze coinvolte per un totale di 12 posti: Croce Verde Asti, Croce Verde Mombercelli, Croce Verde Montemagno e Croce Verde Nizza Monferrato.
Le associazioni aderenti ad Anpas (Associazione nazionale pubbliche assistenze) delle province di Alessandria, Asti, Cuneo e Torino ricercano giovani volontari e volontarie di nazionalità italiana, dai 18 ai 29 anni non compiuti da avviare al Servizio civile nazionale. La durata del servizio è di 12 mesi con un impegno settimanale di circa 30 ore, per un totale di 1.400 ore. Il compenso mensile è di 433,80 euro.
I progetti Anpas – che per quest’anno prevedono lo svolgimento di servizi di trasporto socio sanitario non di emergenza – sono rivolti a ragazze e ragazzi che non abbiano già effettuato in precedenza attività di Servizio civile nazionale. Le domande devono essere presentate entro le ore 14.00 del 21 ottobre 2011.
È possibile aderire a due progetti Anpas nell’ambito socio sanitario: “Via col mezzo” che coinvolge le Pubbliche Assistenze delle province di Alessandria, Asti e Cuneo con una disponibilità di 42 posti; e il progetto “Mani tese” che riguarda le Associazioni Anpas di Torino e provincia con un’opportunità di 50 posti. Complessivamente 92 posizioni in Servizio civile nazionale in 33 diverse Pubbliche Assistenze del Piemonte.
In provincia di Asti sono 4 le Pubbliche assistenze aderenti ad Anpas che offrono l’opportunità di svolgere Servizio civile per un totale di 12 posti: Croce Verde Asti (4 posti), Croce Verde Mombercelli (3 posti); Croce Verde Montemagno (2 posti); Croce Verde Nizza Monferrato (3 posti).
Anche per il 2011 si sono purtroppo verificate delle esclusioni, sono rimasti fuori dalla graduatoria per il Servizio civile nazionale altri interessanti progetti delle Pubbliche Assistenze da attuarsi nelle restanti province piemontesi.
«Le nostre Associate, – ha spiegato il presidente di Anpas Piemonte, Andrea Bonizzoli – in collaborazione con il Comitato regionale, ogni anno affrontano una progettazione sempre più impegnativa. Oggi una valutazione soggettiva per il 70% del punteggio a volte penalizza progetti di rilievo che sono pensati su misura per i bisogni del territorio e realizzati dal volontariato nonostante la forte crescita della disoccupazione giovanile. La progressiva riduzione dello stanziamento impedisce a molti giovani che lo desiderano di fare questa esperienza. Questo sminuisce inoltre il valore dell’educazione alla pace e alla cittadinanza responsabile promossi dalle nostre Pubbliche Assistenze».
«Il Servizio civile nazionale – ha detto Giuseppe Inquartana, consigliere e responsabile regionale Anpas Servizio civile nazionale – offre l’opportunità ai giovani di avvicinarsi al mondo del volontariato di pubblica assistenza. Un tipo di volontariato particolare a volte non facile perché si interagisce con dei malati e con persone fragili, ma che fa sentire utili e vicini a coloro che hanno bisogno di aiuto. Un’arricchente occasione di crescita umana e formativa».
I progetti “Via col mezzo” e “Mani tese” sono entrambi a carattere socio-sanitario e prefigurano trasporti interospedalieri per terapie, dialisi o visite mediche, dimissioni da ospedali e case di cura, accompagnamenti in centri diurni di socializzazione o riabilitazione, assistenza ad anziani e disabili con l’utilizzo di pulmini o autoambulanze.
Compito dei giovani, al termine dello specifico corso di formazione che li abiliterà al servizio, sarà quello di operare in collaborazione con il personale dell’Associazione nella gestione dei trasporti, ma anche nella relazione d’aiuto con il paziente trasportato nei servizi sanitari. Occorre disponibilità al dialogo e all’ascolto, ma anche alla facilitazione delle prassi amministrative da espletare all’interno delle strutture sanitarie che molto spesso diventano un ulteriore peso per la persona che necessita di sostegno. Le lezioni del corso di preparazione al servizio riguarderanno, tra gli altri argomenti, valide nozioni di primo soccorso e la comunicazione.
L’Anpas Comitato Regionale Piemonte rappresenta oggi 81 associazioni di volontariato con 10 sezioni distaccate, 8.656 volontari (di cui 2.986 donne), 7.932 soci, 346 dipendenti e 172 ragazzi e ragazze in servizio civile che, con 399 autoambulanze, 114 automezzi per il trasporto disabili, 195 automezzi per il trasporto persone e di protezione civile, 5 imbarcazioni e 15 unità cinofile, svolgono annualmente 395.314 servizi con una percorrenza complessiva di quasi 13 milioni di chilometri.
Grugliasco (To), 3 ottobre 2011

Luciana Salato – Ufficio stampa ANPAS – Comitato Regionale Piemonte, e-mail: ufficiostampa@anpas.piemonte.it, www.anpas.piemonte.it

I commenti sono chiusi